Il dio femmina stuprato nel bosco

racconta la storia di un bambino che fa l'amore con gli alberi. In realtà, Giacomo Canto è figlio di un dio dei boschi, e dunque un bambino chiaroveggente. Attraverso la relazione fisica con gli alberi entra nella dimensione ultraterrena dei morti e degli spiriti disincarnati. Sua madre, che non è al corrente della vera natura di quel comportamento, lo fa visitare da un neurologo e, non soddisfatta, lo porta da uno dei più famosi psicanalisti viventi: il professor Abramo Veritier, medico che ha concepito la teoria che Dio è femmina. Il professore, la cui teoria ha radici nella genetica licenziosa del nonno ebreo Nathan, e nella propria turbata adolescenza, diagnostica il disturbo di Giacomo come "fitofilia", una parola da lui creata per designare quell'originale perversione sessuale. Abramo Veritier è un curioso e un amante degli esperimenti. Per capire cosa prova il piccolo paziente, anche lui si accoppia  con un albero, ma sceglie quello sbagliato (un arcidiavolo) accedendo alla chiaroveggenza senza la purezza di cuore di Giacomo. Il suo gesto lo condurrà a scoprire l'esattezza della sua teoria, ma anche allo stupro del dio femmina nel Bosco della Fontana. Una creatura femminile fantastica, ma altrettanto reale, e il dio dei boschi "Ur", padre di Giacomo, lo renderanno edotto della verità ultima del regno degli alberi. La cura di Giacomo termina con una svolta erotica (attenzione: il capitolo 13 può risultare scandaloso per i bacchettoni). Lo psicanalista avrà una breve quanto intensa relazione con la madre del bambino. Improvvisamente, i due scompaiono dalla vita del professore, finché dopo tanti anni, nell'epilogo del romanzo, quando egli è ormai centenario, altrettanto inspiegabilmente riappaiono. Su una pagina di quotidiano, il vecchio psicanalista riconosce il bambino che faceva l'amore con gli alberi. Ora Giacomo Canto è adulto, e riveste la più alta carica di un governo illuminato e superumano...

  tutte le recensioni

ritorna a Madre di tutti
 

Il dio femmina stuprato nel bosco ha meritato il sesto posto nell'edizione 1998 del Premio Strega, e il secondo al Premio  Amici del Giovedì come romanzo. Nel 2004 è uscita per la casa editrice storica di Lipsia la  traduzione in lingua tedesca. "Der Junge, der die Bäume liebte" (Il ragazzo che amava gli alberi)

Leseprobe

 

 

Contatore visite

 

home
ago.it
www.meso.it
www.faceacupuncture.com
www.agopunturagenetica.it
www.needlecontacttest.com
www.agopunturascientifica.it
www.geneticacupuncture.com

Stefano Marcelli copyright 1997-2016 ©